[Cantieresociale.roma] 4 e 5 Aprile - Due Giornate per Una P…

Delete this message

Reply to this message
Author: maillinglist delle realtà sociali del XIII municipio
Date:  
To: a.contu, a.gallinelli, acalie, ACOL, actia castagna, adriforn, aemilio11, affabula, affabulazione2, alemanno, alessandro gruppo giovani 1, alessandro gruppo giovani 2, alessandro paltoni, alfonso, amadi, amicimadonnetta, Andrés2, anitta, Anna Cirillo, Anna Maria Cerquetti2, annacerquetti, annagrazia, antonella, Apollonia Salvaggio, aprile, aresam, aurora santa monica, azad, azzottavo, azzurra, Barbara Maccarrone, bartolucci, bovolini, bruno rifonda, c.corazziari, caccaro, cantautore, cantieresociale, cantieresociale.roma, carmela, Carmen Cremona, casaletto, cavinoc, cda futura, cdaostia, cdqmalafede, CEA Riserva, cecco, centroiniziativapalocco, ceroni, cesarino, cesarino2, chaudhry sarfraz ahmad, checchino, chiara.deangelis, ciopper, cittadiniattivi, cittainbici, Claudia Fellus Aslrmd, Claudio Fusco, claudio croci, claudio tenda dei popoli, claudiofelici, cmqostiaantica, cobasostia, colangelo, comitati entroterra, comitati zone O Abitare, comitato elettrosmog, comitato via dei pescherecci, comitatoquartiere, coord.entroterra, d.franco, D'ausilio D'Ausilio, Daniela, daniela ass.terr., daniela benincasa, daniela pascolini, daniele pizzitutti, daniele pizzitutti real, Dario Bensi, david ghollasi, davide rifondazione acilia, davidefutura1, davidefutura2, direttorebaffigo, direzione, distretto scol, donatella z., dragona, dragona
Subject: [Cantieresociale.roma] 4 e 5 Aprile - Due Giornate per Una Partecipazione Vera
Vi giro l'appello per la due giorni del 4 e 5 Aprile 13° Municipio, in allegato trovate l'appello da stampare con il programma dei dibatitti e degli spettacoli; dateci una mano a diffondere l'iniziativa.

Grazie Luca Fagiano


Un'Altra Città da Costruire Insieme

Siamo associazioni culturali, sportive ed ambientaliste; realtà della cooperazione sociale e del volontariato; teatri e spazi sociali, comitati di quartiere e reti civiche.
Siamo educatori ed operatori sociali e della cultura, cittadini che reclamano cittadinanza, che non sono disposti a vivere nella passività e nell’oblio; curiosi ed attenti a quello che ci accade intorno; sempre critici e sempre propositivi; non omologabili e mai rassegnati.
Siamo giovani di età o comunque di spirito, pensionati e studenti , lavoratori precari ed in via di precarizzazione; migranti con e senza documenti; precari della casa sommersi da mutui ed affitti impossibili, sfrattati o sotto sfratto, già occupanti oppure in procinto di iniziare a lottare; esistenze vissute come un salto nel vuoto, senza certezze e senza paracaduti, fra mille acrobazie per arrivare alla fine del mese, perennemente alla ricerca di un pezzo di pane e di un paio di ali per inseguire i sogni e riportarli in terra.
Abbiamo sotto i nostri occhi una città che si muove e si trasforma a ritmi frenetici, che amiamo ancora ma che rischiamo di non riconoscere più.

IL PROGETTO: Roma città globale in competizione con le altre metropoli del mondo, luogo di produzione diffusa, fabbrica a cielo aperto di profitti, solitudine, precarietà.
I TASSELLI DEL MOSAICO: svuotare il centro storico per regalarlo alle grandi lobby economico/ finanziarie, rovesciare una nuova ingiustificata valanga di cemento sui nostri quartieri -centri commerciali e case private - per ingrassare la rendita e le tasche dei soliti noti; privatizzare tutto – parchi e beni comuni – recintando tutto con cura; sacrificare il nostro “tempo libero” ed il nostro bisogno di socialità sull’altare della produzione e del mercato, schiacciare la nostra creatività ed i nostri desideri negli ingranaggi di questa gigantesca catena di montaggio sociale; se necessario, per ragioni mediatiche e di costruzione di consenso, sgomberare le baraccopoli che oramai sorgono ovunque ci sia uno spazio libero senza trovare nessuna soluzione alternativa, alimentando assurde guerre fra poveri.

Tocchiamo con mano e soprattutto viviamo la realtà del nostro territorio, il 13° Municipio, in cui si è da tempo scatenata una vera e propria corsa all’oro, un assalto indiscriminato alle sue risorse ed alla qualità della vita di tutti i cittadini. In questi anni una pioggia di cemento si è già abbattuta in questo quadrante di città; solo una parte di quello che in realtà è previsto e di quello che ancora si vuole realizzare con nuovi faraonici e folli progetti.

Metri cubi che hanno spesso pregiudicato importanti risorse storico-archeologiche, che hanno determinato l’esplosione del sistema scolastico e dei servizi, che hanno reso le nostre strade un enorme ingorgo a cielo aperto; un pianificar facendo, una non-idea di sviluppo che sta determinando la crescita smisurata di quartieri senza spazi di aggregazione, socialità, cultura, senza identità. Una realtà in cui vecchi e nuovi problemi si sovrappongono moltiplicando e rendendo esplosive le contraddizioni.

UNA PICCOLA LISTA DELLA SPESA GIUSTO PER RICORDARE UN PO’ COSE:
- Più di 800 bambini non riescono a trovare posto negli asili e nelle materne comunali, altri sono costretti a fare 4 turni per consumare un pasto in una mensa, altri ancora ad emigrare scolasticamente in altri Istituti.
- Il sistema dei servizi socio-sanitari è sempre più una maglia sfilacciata e debole che non intercetta e garantisce le necessarie protezioni e tutele sociali.
- Esiste ancora per vaste aree – anno 2008 – il rischio concreto di allagamenti.
- Non c’è neppure l’ombra di un sistema di piste ciclabili alternativo alla mobilità su gomma.
- Si preferisce compensare cubature previste in altri quartieri piuttosto che valorizzare la presenza di un acquedotto romano (vedi Riserva Verde- Infernetto).
- Si vende per riqualificazione l’aumento delle cubature private del Porto Turistico di Ostia che in realtà ridanno poco o nulla al quartiere.

UN PAIO DI INTERROGATIVI CON RISPOSTA INCORPORATA:
- Chi può ancora spacciare la costruzione del Polo Natatorio come un opera utile e di interesse comune e collettivo?
- Chi ha ancora il coraggio di venirci a raccontare favole sullo sviluppo turistico del nostro territorio, senza un vero progetto di valorizzazione della Riserva del Litorale, con il Mare ancora rapito ed incarcerato dagli interessi forti ed escludenti di pochi padroni / predoni. Di quale sviluppo Turistico si parla? Per chi?

C’E’ CHI DICE NO…. MA NON SOLO…

Attraverso il nostro lavoro sociale ed il nostro agire dal basso, con le battaglie quotidiane che conduciamo per la vivibilità dei quartieri, per la tutela e la valorizzazione delle risorse ambientali ed archeologiche, per le scuole ed una rete solida di servizi sociali e sanitari, contro l’elettrosmog, per il trasporto pubblico e la mobilità ciclabile, per gli spazi sociali e culturali, contro il razzismo e per l’interculturalità, contro la precarietà del lavoro e della vita, già disegnamo le traiettorie ed i contorni di una un'altra città possibile.

Insieme vogliamo metterci a lavoro per costruirla ed affermarla rilanciando la sfida di una partecipazione vera allo sviluppo ed alle trasformazioni del nostro territorio e della nostra città.

IL GUANTO DELLE SFIDA È LANCIATO
COSTRUIAMO INSIEME UNA NUOVA AVVENTURA DI PARTECIPAZIONE E TRASFORMAZIONE

Venerdì 4 e Sabato 5 Aprile - Due giorni di Confronto Pubblico, Spettacoli ed Iniziative
Riapre per L’Occasione il Teatro Fara Nume – via Baffigo 161

(Per Info Contatti ed Adesioni 065691630 - 065612207)
www.13inrete.blogspot.com


Rete per la Partecipazione 13° Municipio




      ___________________________________ 
Scopri il Blog di Yahoo! Mail: trucchi, novità, consigli... e la tua opinione!
http://www.ymailblogit.com/blog/